Update 8/3/2018 - Finanziamenti agevolati per imprese in Emilia Romagna: il Fondo StartER

Pubblicato il 26/02/2019

 




Aggiornamento in calce.

Chi mi conosce e segue il blog sa come io sia normalmente diffidente verso la finanza agevolata, pur consigliandola in certi casi. Le motivazioni sono molteplici: troppa burocrazia, enorme incertezza negli esiti, antipatica necessità di anticipare le spese di tasca propria e, soprattutto, tempistiche lunghe, per non dire bibliche, prima di vedersi accreditare i contributi. Qualcosa che funziona è, però, rimasto, e fra queste possibilità bisogna certamente annoverare alcuni fondi della Regione Emilia Romagna, facenti parte del mondo dei “fondi indiretti europei”, quelli cioè che la UE demanda alla gestione regionale.

Fondo StartER regione emilia romagna massari consulting consulenza aziendaleIl Fondo StartER in passato ha dimostrato di funzionare bene, sebbene la procedura per accedervi non sia tra le più semplici: ci vuole un buon business plan, e bisogna imbastire una trattativa con una delle banche convenzionate che si dica disponibile ad erogare un 30% dell'’importo complessivo del finanziamento. La motivazione è proprio nella natura del fondo che, di fatto, si concretizza in un finanziamento agevolato: per il 30% è infatti un normale chirografario bancario, mentre il restante 70% è un mutuo a tasso ZERO. In un mondo in cui gli oneri finanziari affossano i bilanci di fin troppe imprese, è certamente un’'opportunità da non sottovalutare. I mutui, dell'’importo massimo di euro 300.000, possono oltretutto avere una durata lunga (fino a 96 mesi), con lo scopo ulteriore di agevolare davvero l’'impresa, con una rata mensile bassa e avente un impatto sostenibile sul cash flow mensile. Se siete una piccola impresa, operante in Emilia Romagna, e siete iscritte nel Registro delle Imprese da non più di 5 anni, potreste essere fra i possibili beneficiari dell'’iniziativa. Altre caratteristiche sono senza dubbio: la volontà di investire (il Fondo non opera per coprire normali carenze di liquidità), e il fatto di non aver ancora iniziato il programma di investimenti desiderato, perché il Fondo finanzia solo spese ancora solo “in preventivo”. Potete stare tranquilli: gli investimenti, in questo caso, non vanno anticipati di tasca propria: prima viene erogato il mutuo, poi si pagano i fornitori. E anche per l’'altro aspetto potenzialmente preoccupante, vale a dire la probabile necessità di un consulente per districarvi nella burocrazia, state altrettanto tranquilli: anche queste spese sono, infatti, finanziabili, e possono dunque essere, di fatto, rateizzate col mutuo.

Massari Consulting - Consulenza Aziendale Business Plan Finanza Parma Piacenza Reggio Emilia

Per approfondimenti, potete consultare il sito web ufficiale ma, soprattutto, contattateci scrivendo a info@massariconsulting.it ! Affrettatevi, formalmente il bando apre il 10 luglio e chiude il 30 settembre 2017, ma le risorse sono limitate. Alcune imprese, nelle scorse edizioni, si sono ritrovate ad essere formalmente ammesse, ma concretamente non finanziate per esaurimento dei fondi, proprio perché hanno aspettato gli ultimi giorni per presentare il progetto. Fate in modo di non essere fra quelli che rimpiangeranno la loro scarsa tempestività, se siete interessati…, tentate subito!

UPDATE 8/3/2018: Siete piccole imprese, con sede in Emilia Romagna, costituite da non più di 5 anni ed intendete realizzare un programma di investimenti? RIAPRE IL FONDO STARTER, con possibilità di presentare le domande fino al 7 maggio 2018. C'è la concreta possibilità di ottenere un mutuo chirografario che, per il 70% del suo importo, è a TASSO ZERO! Contattateci per ulteriori dettagli.




Links utili: